Significato di 'Dust in the Wind' del Kansas

'Dust in the Wind' del Kansas è una traccia filosofica che si concentra principalmente sulla mortalità e sulla vanità inerente ad essa. O in altre parole, nonostante gli sforzi degli uomini, alla fine 'tutto quello che facciamo crolla a terra', anche se 'ci rifiutiamo di vedere'. E la frase titolare si riferisce non solo all'inevitabile disintegrazione delle cose che le persone costruiscono, ma forse anche di più alla comprensione che i nostri corpi sono letteralmente ridotti in polvere una volta che moriamo.


Inoltre, la canzone allude anche al fatto che nel grande schema delle cose il denaro è insignificante, in quanto 'non comprerà un altro minuto'. Questo in pratica significa che non importa quanto ricca possa essere una persona alla fine incontrerà lo stesso destino di tutti gli altri. Quindi questa traccia serve a ricordarci la verità dietro tutto ciò che facciamo, cioè che è fugace, solo per essere trasportati un giorno come “polvere nel vento”.

Testi di

“Polvere nel vento” influenzato dalla Bibbia?

La canzone ha un forte tono biblico, e questo è stato teorizzato che 'Dust in the Wind' è stato influenzato dai libri della Genesi e più specificamente dell'Ecclesiaste. È interessante notare che lo stesso Kerry Livgren del Kansas divenne un cristiano evangelico pochi anni dopo che la canzone fu scritta.

Detto questo, il titolo della canzone era in realtà derivato da un libro di poesia dei nativi americani che Livgren stava leggendo al momento in cui scrisse questa canzone.

Nascita di questa canzone

Kerry Livgren ha inventato questa canzone mentre si esercitava con la sua chitarra. Non ci ha pensato molto, ma è stato costretto a presentarlo al resto della band da sua moglie. Era riluttante perché deviato dal loro solito suono (essendo la prima canzone acustica mai registrata dal Kansas). Ma sorprendentemente i ragazzi lo stavano sentendo. E anche dopo aver deciso di registrarlo, Livgren ha sostenuto che non avrebbero dovuto, ma il resto del gruppo ha avuto la meglio.


Produzione

La traccia è stata prodotta dal produttore discografico e mixer americano Jeff Glixman. Kansas e Glixman hanno lavorato insieme regolarmente negli anni '70.

Successo in classifica

Alla fine 'Dust in the Wind' divenne probabilmente il singolo di maggior successo del Kansas. Ad esempio, è la loro unica traccia a rompere la top 10 della Billboard Hot 100, raggiungendo il numero 6. Alla fine è stata certificata platino dalla RIAA. Ha anche tracciato in alcuni altri paesi, in particolare in Canada, dove è salito al numero e ha ottenuto una certificazione d'oro.


Data di uscita di 'Dust in the Wind'

Questo brano è apparso per la prima volta in Kansas ' Point of Know Return album del 1977. Questo album è stato il quinto album in studio del Kansas. Successivamente una versione live è stata pubblicata su Kansas ' Due per lo spettacolo album del 1978. Una versione sinfonica di questo classico apparve anche nella band Sempre mai lo stesso album uscito nel 1998.